Miscellanea

L'individualizzazione in psicologia è: breve definizione, principio, esempi

Contenuto

  1. Che cos'è, definizione
  2. La teoria di Jung
  3. Concetto generale
  4. Scopo del processo
  5. Fasi del processo
  6. Significato nella formazione della personalità
  7. Condizioni per l'attuazione
  8. Opzioni di implementazione
  9. Video di personalizzazione

Individualizzazione, o individuazione, questo è un termine in psicologia che è stato introdotto per la prima volta nella vita quotidiana da K. Jung. Ha anche sviluppato il concetto originale ed è stato il primo a studiare questo processo. I suoi predecessori possono essere considerati scienziati V. Stern e F. Galton, che per primo studiò il fenomeno stesso dell'individualità.

Che cos'è, definizione

L'individualizzazione in psicologia è un concetto che ha diverse definizioni. In generale, sono molto simili tra loro, ma ci sono ancora alcune differenze tra loro.

In generale, questa è la formazione psicologica di una personalità, nel processo di sviluppo delle sue capacità, tratti e caratteristiche uniche. Il concetto è associato alla necessità per una persona di rimanere una parte a tutti gli effetti della società, ma allo stesso tempo di distinguersi e differire dagli altri.

insta story viewer

Diversi specialisti, tuttavia, danno definizioni leggermente diverse del concetto e talvolta completamente inadeguate al significato originale della parola.

la cui definizione Come formulato
v. E. Slobodchikov, psicologo russo Definisce l'individuazione come l'appropriazione di quei valori esistenti nell'ambiente che non contraddicono la propria posizione e la visione del mondo della persona. Nel processo, si dovrebbero superare le restrizioni di gruppo insignificanti, combattere le valutazioni e gli stereotipi di altre persone, non fare affidamento sull'opinione di qualcun altro e resistere alle pressioni esterne. Di conseguenza, una persona deve imparare a rifiutare o accettare ciò che il mondo che lo circonda gli offre.
INSIEME A. Kierkegaard e la psicologia umanistica Nella direzione umanistica della psicologia, l'individualizzazione è considerata nel modo in cui S. Kierkegaard, cioè come uno sforzo fatto per essere se stessi. D'altra parte, è anche definito come un percorso di formazione della propria personalità. Il compito di una persona nel processo è sviluppare tutte le sue caratteristiche, comprese quelle che la società considera negative, "angoli acuti". Secondo questa visione, una persona non dovrebbe cedere alla pressione sociale e abbandonarsi.
In psicologia esistenziale L'individuazione è definita come la padronanza della propria vita, la realizzazione e la ricerca del proprio significato nella vita o nello scopo, nonché la padronanza del mondo e delle opportunità che offre.
Rena Branch e Rob Wilson in un libro sulla terapia cognitivo comportamentale Definiscono l'individualizzazione come è consuetudine in una data scuola di psicologia. Descrivono questo processo come una distorsione cognitiva, che implica l'associazione errata di eventi che non hanno nulla a che fare con una persona.

Ad esempio, una persona può decidere che il cassiere del negozio non gli ha sorriso perché ha qualcosa che non va. Allo stesso tempo, non avrà nemmeno il pensiero che questa possa essere la fine del turno e l'assenza di un sorriso, questa non è un'antipatia personale, ma un segno di stanchezza. Un caso altrettanto comune è quando passa una compagnia ridente e una persona pensa che stia ridendo di lui. E per un secondo non ammette la probabilità che la ragione della risata possa essere in uno scherzo su un argomento non correlato, che semplicemente non ha sentito.

L'individualizzazione in psicologia. Che cos'è, definizione, principio, esempiA. Jung ha lavorato sul concetto di individuazione più profondo e più ampio di altri. Pertanto, la sua teoria dovrebbe essere considerata separatamente.

La teoria di Jung

Nonostante il fatto che in un certo periodo della sua vita Jung abbia collaborato con Z. Freud, non condivideva le sue opinioni sullo sviluppo umano. Innanzitutto, non attribuisce particolare importanza ai conflitti psicosessuali infantili e non crede che determinino tutto il comportamento dell'individuo. In secondo luogo, Jung non crede che l'infanzia sia un periodo decisivo per la formazione di modelli comportamentali.

Per dirla molto brevemente, secondo la sua teoria, l'individualizzazione è una combinazione di esperienza inconscia e conscia. Jung ha inteso il processo come la separazione, la costruzione e la concretizzazione della sua essenza. Dovrebbe avvenire in modo che una persona possa scoprire chi è e sviluppare la sua personalità.

Sia nella psicologia junghiana che in altri concetti, l'individuazione è un processo contraddittorio, poiché implica l'unione degli opposti. Secondo la teoria di Jung, tali conflitti e contraddizioni sono associati al confronto tra il conscio e l'inconscio, così come la collettività e l'individualità.

La base per la formazione della personalità Jung considerava l'Io, da cui deriva una graduale comprensione di aspetti precedentemente negati, e quindi la loro accettazione. Allo stesso tempo, è importante non identificarsi con loro, distinguerli da se stessi.

Di conseguenza, in primo luogo verranno accettati alcuni aspetti della personalità. Poi, come risultato di sforzi interni, un'esperienza emotiva repressa. Di conseguenza, deve essere analizzato per l'adeguatezza, il possibile conflitto e l'esperienza traumatica. Successivamente, una persona prende parte all'inconscio collettivo e aggiunge archetipi ereditati culturalmente al suo sviluppo.L'individualizzazione in psicologia. Che cos'è, definizione, principio, esempi

Nonostante il fatto che Jung non credesse che l'intero processo si svolgesse nell'infanzia e nell'adolescenza, non ha negato che l'individuazione sia in parte correlata allo sviluppo biologico di una persona. Questo è un concetto separato. Secondo lei, ogni fase dura circa 10 anni e non termina con la maturazione finale.

  1. La nascita dell'Io. Di solito si verifica intorno ai 3 anni di età. Fino a quel momento, non c'era consapevolezza di se stessi come persona separata.
  2. Raggiungere la pubertà. In questa fase, una persona si sforza di separarsi dagli altri e inizia a cercare la propria identità.
  3. Adattarsi al proprio ruolo e accettarsi. Di solito questo periodo è associato alla prima adolescenza.
  4. Cerca il significato del sé. Qui, presumibilmente, finisce l'individualizzazione. Di solito lo stadio è associato al raggiungimento della mezza età o della vecchiaia.

Ma in pratica, l'intero ciclo, senza contare la fase iniziale, può essere ripetuto più volte durante la vita. Questo non sarà più associato ai cambiamenti biologici in una persona, ma al cambiamento delle circostanze della vita, all'ottenimento di nuove conoscenze o al ripensamento dei valori esistenti.

Concetto generale

L'individualizzazione in psicologia è, se prendiamo il concetto in generale, è il processo di una persona che diventa indipendente. Acquisisce l'integrità della personalità e acquisisce la capacità di autonomia. Nel corso dell'individuazione devono essere sviluppate diverse capacità psichiche, che si manifesteranno non immediatamente, ma man mano che la persona cresce.L'individualizzazione in psicologia. Che cos'è, definizione, principio, esempi

Secondo il concetto generalmente accettato, l'individuazione è più evidente durante l'adolescenza, quando una persona si separa dai suoi genitori e forma la propria identità ed essenza. Tuttavia, senza una connessione con l'ambiente culturale e familiare, il processo è impossibile, poiché non esiste un punto di partenza. Anche se alla fine una persona inizia a negare tutto ciò che è accettato nella sua cultura e famiglia nativa, il rapporto iniziale con loro è necessario, altrimenti non ci sarà nulla che si opponga alle sue opinioni.

Scopo del processo

L'individualizzazione è necessaria affinché il bambino si sviluppi e alla fine diventi una persona indipendente e unica. Il lavoro relativo alla realizzazione delle potenziali capacità del bambino e dei suoi talenti nascosti è finalizzato proprio a questo. Se agli alunni viene data una certa indipendenza nel raggiungere l'obiettivo desiderato o nel prendere decisioni, allora questo aiuterà in futuro a costruire il proprio percorso di vita, poiché tutte le competenze necessarie per questo saranno già ricevuto.

A. Jung, e in seguito i seguaci della sua scuola di psicologia, credevano che nel processo di individuazione, una persona superasse gli archetipi a lui estranei e imposti su di lui. E l'obiettivo principale del fondatore della psicoanalisi junghiana era quello di raggiungere un equilibrio della psiche.

Fasi del processo

In psicologia, la maggior parte dei processi sono descritti come un movimento graduale verso un obiettivo. E l'individualizzazione non fa eccezione. In questo caso sono necessarie 4 fasi principali e 1 finale. Nel processo, una persona riempie il suo inconscio e conscio, e quindi unisce gli opposti interni, come ombra e personalità o inconscio e conscio. Questo accade finché non puoi diventare "te stesso".L'individualizzazione in psicologia. Che cos'è, definizione, principio, esempi

  1. La prima tappa, abbandonarsi, avvicinarsi per la prima volta all'inconscio. Questo accade quando una persona si rende conto che la sua coscienza non è tutta dell'essere. Comincia a notare e tenere traccia degli impulsi e dei desideri, così come dei bisogni inespressi della psiche. Una persona capisce che c'è una gran parte della sua personalità che ignora e cerca di capirla e avvicinarsi ad essa.
  2. La fase successiva, incontrare la tua ombra. Questo accade dopo che una persona si rende conto che c'è qualcosa di più in lui di ciò che gli è familiare. Scopre che c'è qualcosa di inconscio, un insieme di tratti che di solito sono considerati negativi e rifiutati. Sono più spesso proiettati sugli altri. Quindi, una persona realizza la sua doppia natura e la presenza di un'ombra. Ciò consente all'individuo di sentirsi un essere separato, ma connesso al mondo esterno. Non appena viene riconosciuta l'esistenza dell'ombra, iniziano a valutarla, ma senza condanna, nonostante il fatto che alcuni impulsi e desideri umani subconsci siano socialmente disapprovati. L'obiettivo in questa fase di sviluppo non è obbedire ai tuoi impulsi, ma accettare il tuo lato oscuro come parte della personalità e smettere di negare la sua esistenza.
  3. Fase tre, incontro con l'anima o animus. Quindi, per una donna in questa fase, è necessario accettare il suo animus, cioè l'archetipo maschile, che è tradizionalmente responsabile della vitalità, dell'intelligenza, della saggezza e dell'energia. Un uomo dovrebbe integrare l'Anima nella sua personalità, il suo opposto, responsabile dell'espressione delle emozioni, dell'affetto, della sensibilità. Questi archetipi fanno solitamente parte del patrimonio culturale. Nel subconscio, spesso assumono l'aspetto che meglio si adatta alle diverse sfaccettature dei concetti di "femminilità" o "mascolinità" accettati dalla società. Alcuni psicologi della scuola junghiana affermano che il rapporto tra una donna e l'animus e un uomo con un'anima è identico al loro rapporto con il sesso opposto. Altri si astengono da tali formulazioni e considerano questo stato di cose possibile, ma non obbligatorio per tutti senza eccezioni.
  4. L'ultima fase, l'adozione dell'archetipo della luce. Dopo che i lati oscuri e negati della personalità sono stati illuminati, la comprensione di se stessi diventa più profonda e più ampia. Questo può evocare un senso di onnipotenza al limite del narcisismo. Tuttavia, in questa fase dello sviluppo, non c'è isolamento dalla realtà e una persona è in grado di vedere che le sue capacità non sono illimitate. È in questa fase che appare la saggezza e la capacità di enfatizzare l'introspezione.
  5. Lo stadio finale, la coincidenza degli opposti. La formazione finale della personalità, l'emergere di "io". Il processo si conclude quando gli opposti coincidono o quanto meno si rivelano pienamente accettati. Questa fase è caratterizzata dall'assenza di contraddizioni in tutti gli aspetti della personalità umana. Di conseguenza, il soggetto diventa intero, autosufficiente, indipendente e può persino formare il proprio sistema etico.L'individualizzazione in psicologia. Che cos'è, definizione, principio, esempi

A causa delle mutevoli circostanze esterne, della ricezione di informazioni precedentemente non disponibili, dell'accumulo di esperienze di vita e altri fattori, l'individuazione consapevole può continuare per tutta la vita e ogni fase può essere ripetuta più volte una volta. Questo spiega in parte perché a 30 anni una persona aveva le stesse opinioni, ed era una persona, e a 60 anni può diventare il suo completo opposto.

Significato nella formazione della personalità

Secondo la scuola di psicologia junghiana, l'individualizzazione è una serie di cambiamenti interconnessi. Sono necessari per raggiungere il cosiddetto centro della personalità, cioè un punto di transizione, dopo il quale diventa possibile entrare in contatto con l'inconscio e il conscio.

Il significato principale dell'idea di individualizzazione è che una persona può combinare diversi aspetti della psiche e della personalità e, quindi, acquisire il proprio carattere unico.

È l'individualizzazione che consente a una persona di essere libera e sviluppare una visione personale del mondo e un modo di agire, e non solo seguire gli schemi sviluppati da altri schemi.

Grazie a lei diventa possibile:

  • l'emergere di hobby diversi dalle aspettative dell'ambiente circostante;
  • creare uno stile di vita confortevole per una persona, non necessariamente quello che hanno cercato di instillare durante l'infanzia, nel processo di educazione;
  • scegliendo una cerchia di amici di tua spontanea volontà.L'individualizzazione in psicologia. Che cos'è, definizione, principio, esempi

Il risultato del processo di individuazione completato è l'accettazione o la negazione dei propri tratti e la capacità di valutarli. Anche quelli che sembrano indesiderabili. Nella scuola di psicologia junghiana, i tratti nascosti, indesiderati e rifiutati sono chiamati ombra e la parte dimostrata di sé è chiamata personalità.

Condizioni per l'attuazione

L'individualizzazione in psicologia è un processo complesso che è meglio studiato da K. Jung. Pertanto, è consuetudine considerare le condizioni per la sua attuazione nella vena in cui lo stesso ricercatore ha suggerito.

Ci sono 3 condizioni o segni con cui puoi determinare se il processo è andato bene:

  1. Al di fuori della società e senza relazioni collettive, l'individuazione non può avere successo. Solo l'interazione dell'individuo con la società consente, da un lato, di assimilare le norme, i principi e i valori accettati in questa comunità. E, d'altra parte, accetta solo quegli atteggiamenti che sono più vicini a una certa persona, e non tutti senza eccezioni.
  2. Il processo era finalizzato allo sviluppo e alla formazione della personalità di una persona e nient'altro. Deve condurre l'individuo alla comprensione dei tratti e delle caratteristiche inerenti solo a lui. Ciò consente di valutare oggettivamente sia le capacità e le azioni di altre persone, sia le proprie.
  3. L'individuazione implica e riflette come e fino a che punto una persona oppone la sua visione del mondo a norme sociali che non hanno valore incondizionato. Ad esempio, in uno stato laico, ognuno può accettare o non accettare la religione a cui aderisce il suo ambiente immediato.

La base dell'individualizzazione è il riconoscimento dell'unicità di ogni persona, la sua unicità, la libertà obbligatoria e il diritto di scegliere. Senza questo, il completamento completo del processo è impossibile.

Opzioni di implementazione

L'individualizzazione in psicologia è un processo che non avviene mai allo stesso modo in persone diverse. Tuttavia, ci sono 2 opzioni principali su come può avvenire.

La prima è l'individuazione spontanea. Questa opzione implica un processo continuo che inizia in tenera età. Si verifica più attivamente negli adolescenti e nei bambini, è allora che una persona inizia a distinguersi dagli altri e si sforza di farlo nel modo più evidente possibile. In questo modo, l'individuo riceve la prima esperienza sociale, che può essere successivamente utilizzata per l'introspezione e l'analisi dell'ambiente.L'individualizzazione in psicologia. Che cos'è, definizione, principio, esempi

Il secondo metodo è l'individuazione attraverso l'analisi. Questo è tipico dell'età adulta. La base del processo è il desiderio di comprendere se stessi e la natura umana. Si svolge con l'ausilio di osservazioni, vari meccanismi di riflessione e analisi.

In psicologia vengono studiati molti processi associati alla formazione di una personalità. Uno di questi è l'individualizzazione. Nonostante il fatto che questo termine non tutte le scuole denotino lo stesso fenomeno della psicoanalisi junghiana e simili direzione, senza di lui sarebbe difficile designare il processo di acquisizione di tratti di personalità specifici da parte di una persona e carattere.

Video di personalizzazione

Individualizzazione e socializzazione:

  • Condividere
Piede diabetico, foto fase iniziale, il trattamento e sintomi
Miscellanea

Piede diabetico, foto fase iniziale, il trattamento e sintomi

Diabetico piede - una complicazione, l'impulso per lo sviluppo di che è un insieme di malattie, sviluppare il diabete mellito. Nel 90% del piede d...

Emangioma del fegato, provoca negli adulti e trattamento
Miscellanea

Emangioma del fegato, provoca negli adulti e trattamento

Emangioma chiamato tumore benigno del fegato, che la formazione è alquanto inusuale e Essenzialmente, una palla è raggruppato insieme navi corrett...

Irsutismo nelle donne: foto, il trattamento, e recensioni
Miscellanea

Irsutismo nelle donne: foto, il trattamento, e recensioni

Irsutismo nelle donne - problema non solo estetico, perché la presenza di una crescita eccessiva dei capelli indica la presenza di donne certo cor...